Abbiamo archiviato anche questo Natale, ma vale la pena riflettere qualche minuto sulle mail di auguri che tutti abbiamo ricevuto a vagonate nei giorni immediatamente precedenti le vacanze.

Alcuni belli, eleganti ed evocativi, altri così così (il clic sul pulsante “elimina” è stato veloce come la polvere!), altri decisamente brutti.

Mi soffermo su questi ultimi, ne ho selezionati alcuni:

Apostrofi come le luci nei giardini (buttati a caso)

La seguente mail di auguri, di cui vi propongo solo un taglio centrale, propone questo Babbo Natale tutto solo, seminascosto dietro ad un buffet che sembra ancora non riassettato dopo il passaggio di uno tsunami (le tovaglie sono stete lanciate a caso come gli apostrofi e le luci nel 95 % dei giardini d’Italia).

Subito sotto la foto ho evidenziato in giallo l’apostrofo che precede la parola anno…Non me la sento di sparare sulla Croce Rossa quindi passo ad osservare la seconda foto, che ritrae tutta la famiglia riunita ed è molto carina.

albergo di Rimini auguri

La news qui sopra termina con un finissimo accenno ai prezzi bloccati.

Peccato, a parte la grammatica questa mail di auguri finora suonava gradevole.

Questa nota commerciale finale invece conferisce al messaggio il sapore della vecchia cartolina di auguri col listino allegato, una delicatezza…

Siamo sicuri che è per Natale?

La news qui sotto è natalizia, lo si evince dal testo. Per fortuna, perchè la grafica non mostra alcun accenno al periodo di festa che sta cominciando.

Non una palla nè un luccichino, non un abete nè un agrifoglio! Niente neve o slitte, nemmeno un pacchetto col fiocco, nulla.

gruppo hotels riviera Romagnola auguri

Auguri IMPERATIVI!

La mail di auguri che segue è piuttosto carina, peccato che il testo mi abbia messo un po’ a disagio:

5 imperativi in due righe.

Scopri, entra, diventa, clicca e di nuovo scopri.

hotel di Riccione auguri

Auguri post-atomici.

Qui l’alberello è reduce da un’espolsione nucleare.

Però il messaggio è positivo: sulle ceneri attuali non possiamo fare altro che costruire un mondo migliore (speriamo!)

auguri postatomici